Analisi Forex 19 Gennaio 2018

Dopo un grande rialzo pari al 13%, il cambio euro/dollaro potrebbe essere in procinto di arrestare il suo movimento.

Secondo gli analisti di Credit Suisse, si pensa che l’incredibile aumento di valore dell’Euro possa venire in qualche modo minacciato. Almeno durante il breve termine, dopo la riunione della Banca Centrale Europea che è in programma per la giornata di giovedì 25 gennaio.

La previsione della Banca d’Investimento svizzera prevede una posizione long sulla coppia EUR/USD sul lungo termine, ma allo stesso tempo sta invitando a prendere profitto, o comunque una chiusura delle proprie posizioni, prima della prossima riunione della Banca Centrale Europea.

Analisi Forex 19 Gennaio 2018
Analisi Forex 19 Gennaio 2018

Banca Centrale Europea e riunione

I mercati sono sempre più convinti che il consiglio direttivo della Banca Centrale Europea cercherà di far scendere l’Euro attraverso le dichiarazioni che verranno rilasciate durante la prossima riunione.

Svariati membri della Banca Centrale Europea affermano che un Euro troppo alto è senza dubbio scomodo, e ciò offusca gli sforzi della banca centrale volti a stimolare l’inflazione verso il target del 2%.

Secondo gli analisti di Credit Suisse, sarà necessario vendere se il dollaro continuerà ad essere scambiato al di sopra del recente livello di breakout intorno al livello di 1,21.

La coppia durante la sessione di ieri ha continuato al rialzo, ma sembra che la coppia stia continuando a registrare massimi sempre inferiori, a testimonianza del fatto che i venditori entreranno all’interno del mercato per poi portarlo al ribasso. Si crede che il livello di 1.21 sarà di supporto, fin giù verso il livello di 1.20.

Il rumore attorno al mercato manterrà questa coppia sotto pressione, ma la tendenza generale a lungo termine del mercato rimane rialzista e alla fine cercherà di raggiungere il livello 1,25.

GBP/USD

Il mercato si è leggermente riorganizzato durante la sessione di giovedì, in quanto ha raggiunto il livello di 1,39 e, il mercato potrebbe essere in attesa di raggiungere il livello di 1,40, che è l’obiettivo principale. La coppia ha superato il range dopo un periodo di tempo molto lungo e si prevede che continui a trovare un interessante livello di supporto vicino al livello di 1,3650, che è il “pavimento” assoluto di questo mercato. I trader dovrebbero rimanere cauti, in quanto sono in corso delle trattative difficili tra Regno Unito e UE e ci aspettiamo una improvvisa volatilità.

AUD/USD

C’è stato un rally durante la sessione di ieri, mentre tentava di superare l’importante livello di 0.80, che è una zona che ha una resistenza alquanto massiccia, risalente a decenni fa. Il mercato qui sarà alquanto volatile nel caso in cui superasse il livello di 0,80, allora sarà uno sviluppo positivo che invierà questo mercato ulteriormente più al rialzo verso il livello di 0,81 e dovrebbe poi trasformarsi in una situazione di buy and hold. E, se questo mercato dovesse andare sotto il livello di 0,79, probabilmente collasserebbe verso il livello di 0,7750.

USD/JPY

La coppia ha recuperato durante la sessione di ieri, raggiungendo il livello di 111, un’area che ha offerto un ottimo supporto e resistenza in passato. Da qui il mercato molto probabilmente raggiungerà il livello di 112, ma a causa della forte incertezza presente in questa zona, sarà difficile per il mercato riuscire a confermarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *